Mer 20 Dic 2017 | Categoria: Noi per Voi

Vitafoods Europe 2018: un’opportunità unica per il processo di internazionalizzazione delle aziende

La filiera dell’integratore alimentare è decisamente proiettata verso i mercati internazionali, così come dimostrano i dati del secondo Osservatorio FederSalus che registrano come quasi il 70% delle aziende associate abbia un fatturato proveniente da export e da altre attività all’estero.
 
Alla luce del grande interesse che l’internazionalizzazione sta raccogliendo nel settore, ma soprattutto, considerato il valore che questo driver può rappresentare per le aziende, per la prima volta FederSalus partecipa con i propri Associati con una collettiva al Vitafoods Europe 2018, uno dei più importanti appuntamenti internazionali per il settore degli integratori alimentari.
L’evento si configura come una vera e propria piattaforma per promuovere i propri prodotti, oltre che come un’occasione unica di networking e di business a livello globale.
La partecipazione aziendale promossa dall’Associazione comprende la disponibilità di una postazione con teca espositiva e infografica aziendale per dare massima rilevanza sia ai prodotti che alla corporate identity, e l’accesso libero alla lounge comune, preziosa per lo sviluppo di relazioni e contatti con tutti gli stakeholders di riferimento.
 
“Le aziende italiane di integratori alimentari si sono strutturate in un contesto regolatorio nazionale adeguato e proporzionale alla natura del prodotto che ha costituito nell’ultimo decennio un terreno fertile per la crescita e lo sviluppo del mercato, che ha resistito alle morse della crisi e presenta ancora un trend in crescita. Un riallineamento del contesto politico europeo nei prossimi anni, tuttavia, potrebbe generare un quadro regolatorio differente e meno congruo che renderebbe necessario per le aziende nazionali riorganizzarsi, rendendo di fatto l’internazionalizzazione una strategia necessaria per dilatare il proprio business e guardare a nuovi mercati”, ha dichiarato il Presidente FederSalus Andrea Costa, sottolineando il valore dell’opportunità offerta dall’Associazione, che permetterà alle aziende di concentrare risorse sulla promozione aziendale all’estero con una soluzione organizzativa ed espositiva strategica.
 
L’impegno di FederSalus sul fronte dell’internazionalizzazione è costante, e affonda le sue radici nel lavoro svolto dall’Associazione per la certificazione delle best practices degli standard qualitativi raggiunti dal settore industriale degli integratori alimentari e nell’attività avviata per il riconoscimento istituzionale di una Filiera di Qualità, entrambe finalizzate, oltre che al posizionamento di un settore d’eccellenza nel contesto italiano, allo sviluppo di standard elevati per il raggiungimento dei mercati esteri.
 
L’Associazione, inoltre, ha organizzato nel corso dell’anno momenti di formazione con l’obiettivo di fornire alle imprese che operano nel settore degli integratori alimentari approfondimenti su alcune tematiche strategiche del processo di internazionalizzazione, come le norme sull’etichettatura, gli strumenti per prevenire la contraffazione dei prodotti, le forme contrattuali di maggior uso, gli aspetti doganali e i finanziamenti agevolati per andare all’estero.